Blitz quotidiano
powered by aruba

Ryanair riduce tempo per check in: da una settimana a 4 giorni. Altrimenti paghi

ROMA – Ryanair riduce il tempo a disposizione degli utenti per fare il check in online. La compagnia low cost ha abbassato da una settimana a soli 4 giorni la finestra per registrarsi all’imbarco. Chi invece desidera partire senza pensieri e stampare prima della partenza anche la carta d’imbarco per il ritorno, dovrà rassegnarsi a pagare un costo extra. La restrizione è infatti riservata solo a chi sceglie l’assegnazione del posto casuale, che è gratuita. Per chi sceglie il posto pagando il relativo costo aggiuntivo nessun cambiamento.

Le nuove regole entreranno in vigore dal prossimo 1 novembre. Ma già da martedì 18 ottobre l’amministratore delegato di Ryanair Michael O’Leary ha dato il via ufficiale alla guerra delle tariffe. Subito dopo aver comunicato il taglio della stima sugli utili, a causa della Brexit, O’leary ha fatto sapere di voler dare una bella sforbiciata al prezzo dei biglietti annunciando un milione di posti in più al mese. Una scelta controcorrente: con le cifre in negativo l’unico rimedio sarebbe quello di ridurre il numero di posti per far lievitare il prezzo dei ticket. Ma O’Leary è determinato a tenere alla larga la concorrenza: “Non c’è momento peggiore di questo per essere rivali della mia compagnia”, è stato l’avvertimento.

Fino a marzo 2017, la low cost irlandese immetterà sul mercato altri sei milioni di sedili. L’obiettivo è di aumentare del 20% i voli sul Vecchio Continente, in particolare sulla Germania, puntando a conquistare un quinto del traffico totale del Paese.

 


TAG: