Blitz quotidiano
powered by aruba

Samsung Galaxy Note 7 vietato in aereo. Bandito in Usa, Alitalia si accoda

ROMA – A partire da oggi, sabato 15 ottobre, chi possiede un Samsung Galaxy Note 7 non potrà portarlo in aereo. A bandire lo “sfortunato” smartphone nord coreano, già ritirato dal mercato in seguito alle numerose segnalazioni di batterie esplose, sono stati per primi gli Stati Uniti, con una disposizione urgente emanata dal Dipartimento dei Trasporti. Decisione alla quale si è accodata anche Alitalia.

In una nota della compagnia aerea si legge che:

“La decisione di proibire il trasporto di questi dispositivi è stata presa in seguito alla disposizione urgente emanata ieri dal Dipartimento dei Trasporti statunitense che, per garantire i massimi standard di sicurezza a bordo, ha vietato gli smartphone Samsung Galaxy Note 7 su tutti gli aerei negli Stati Uniti.

Da oggi – prosegue la nota della compagnia aerea – questo dispositivo Samsung non potrà neanche essere portato in cabina con sé o nel bagaglio a mano”.

Nei giorni scorsi, Alitalia ne aveva già vietato il trasporto nei bagagli da stiva o come spedizione cargo.

La decisione di sospendere la produzione ha assestato un duro colpo alla società sudcroreana, che in Borsa è arrivata a perdere fino a 5 punti percentuali. Ed è arrivata a poche ore dallo sbarco della “guerra degli smartphone” con Apple alla Corte Suprema americana. Una battaglia iniziata cinque anni fa, dopo che il fondatore di Apple, Steve Jobs, aveva dichiarato guerra ad Android, il sistema operativo di Google che gira sugli smartphone Samsung.

Proprio a poche ore dall’udienza Samsung ha deciso di sospendere la vendita del Note7, il suo modello di punta. Il colosso sud coreano ha chiesto ai suoi partner, compagnie telefoniche e rivenditori, di sospendere le vendite e le sostituzioni di Galaxy Note7 mentre vanno avanti le indagini sui recenti incidenti, in cui lo smartphone ha preso fuoco.