Viaggi e turismo

Vivere on the road: le famiglie che hanno scelto di viaggiare per il mondo

Vivere on the road: le famiglie che hanno scelto di viaggiare per il mondo

Vivere on the road: le famiglie che hanno scelto di viaggiare per il mondo

SYDNEY – Lasciare il lavoro e viaggiare per il mondo è davvero affascinante? Due coppie rivelano com’è la vita on the road con figli al seguito. Nick e Lyndy possono raccontarlo dopo aver mollato lavoro e casa ed essere partiti a bordo di un catamarano di 12 metri insieme alle loro figlie Lily e Sayuri. La coppia ha deciso di dedicarsi ad un giro intorno al mondo, vivendo così il sogno australiano e vendendo la casa per poter comprare la barca. Una vita affascinante ma faticosa, scelta anche dall’ex giornalista Sonia Lear e il partner Remi.

Ora la famiglia che naviga di porto in porto è stata protagonista di un documentario tv The Great Escape, letteralmente “La grande fuga”, girato dalla giornalista Tara Brown di Channel Nine. Se i genitori sono fautori del “la vita è tutta da godere finché si è giovani, le loro figlie non sempre sono d’accordo, scrive il Daily Mail riportando le loro parole:

“A volte vorremmo vivere in una casa e pensiamo, invece ci troviamo su una barca”.

La vita avventurosa on the road offre tante esperienze ma, rivela il documentario, anche un lato meno affascinante: rinunciare alle convenzioni sociali ha un prezzo. L’ex giornalista Sonia Lear e il partner Remi, nel 2012 hanno lasciato Melbourne per viaggiare con una roulotte Airstream. Insieme ai due figli gemelli, hanno sradicato la loro vita e sono partiti in giro per l’Australia perché “ci annoiavamo”, spiega la Lear. E rivela che la vita on the road non è così affascinante come credeva:

“Tutto ciò che vivevo quando ero a casa, tutte le stron*ate che affrontavo, ci sono sempre solo che ora mi trovo in una scatola di metallo e con tre figli che hanno tutti meno di tre anni per cui a volte è stata una vera sfida”.

To Top