Video

YOUTUBE Biccari (Foggia). Picchiavano alunni, 4 maestre arrestate: paese le difende

Biccari (Foggia). Picchiavano alunni, 4 maestre arrestate: paese in piazza per difenderle

Biccari (Foggia). Picchiavano alunni, 4 maestre arrestate: paese in piazza per difenderle

BICCARI – Più di 150 persone in piazza a Biccari, in provincia di Foggia, per manifestare solidarietà a quattro maestre arrestate dai carabinieri due settimane fa perché accusate di aver maltrattato alcuni alunni. A spiegare la manifestazione spontanea è stato il sindaco Gianfilippo Mignogna: “E’ il caso di precisare che non si tratta di una protesta non è un voler inveire contro nessuno, né tanto meno, si vuole contestare il lavoro dei carabinieri e della magistratura. Vogliamo solo mostrare vicinanza alle maestre perché le conosciamo bene e da anni svolgono il loro lavoro nel migliore dei modi”.

Le maestre erano state allontanate nelle scorse settimane a causa delle indagini dei carabinieri, cominciate dopo le segnalazioni di alcuni genitori partite lo scorso ottobre. Le maestre, secondo gli elementi raccolti dai carabinieri, sugli alunni di una quarta elementare avrebbero commesso sia violenze fisiche, sia psicologiche.  

San raffaele

Vittime degli abusi, nei quattro casi segnalati, sarebbero stati bambini di 9 e 10 anni. In seguito alle denunce, quattro insegnanti tutte di età comprese tra i 42 e i 55 anni, erano state poste agli arresti domiciliari.

Il primo a presentare la denuncia era stato il padre di un alunno, al quale il figlio aveva raccontato del comportamento delle insegnanti: i carabinieri avevano quindi deciso di far luce sulla vicenda piazzando delle telecamere nelle aule scolastiche e documentando, con tanto di video, episodi di violenze sia fisiche che psicologiche.

Tra gli episodi documentati, un bimbo che era stato costretto a dire “io sono basso e bugiardo”, un altro umiliato con frasi del tipo “fai schifo!”, “chiudi quella boccaccia che escono solo cose brutte da là!” o “hai il cuore cattivo!”. Alcuni tra i giovanissimi studenti erano stati addirittura presi a schiaffi.

 

 

To Top