Video

Fabio Fognini, insulti sessisti all’arbitro durante gli Us Open

Fabio Fognini, insulti sessisti all'arbitro durante gli Us Open

Fabio Fognini, insulti sessisti all’arbitro durante gli Us Open

ROMA – Il numero uno azzurro, Fabio Fognini, finisce al tappeto al debutto agli Us Open. Fatale il derby tricolore contro Stefano Travaglia, proveniente dalle qualificazioni. Il 25enne di Ascoli Piceno, numero 144 del mondo, si è imposto con il punteggio di 6-4, 7-6 (8), 3-6, 6-0, grazie anche a un crollo nel finale di Fognini.

A far ben più rumore è stato lo scivolone di Fognini, il quale ora potrebbe anche doversi difendere dalle accuse di offese sessiste rivolte ad una giudice di sedia.

L’episodio è stato rivelato da un breve video pubblicato da un sito internet e rilanciato su Twitter, con quasi immediata reazione sdegnata da parte di molti partecipanti al social network. Nel filmato si sentono distintamente due pesanti insulti sessisti, il primo ripetuto due volte (“Troia che non sei altro”, poi ci è andato giù pesante: “Brutta bocc…”), che, riferisce il testo che accompagna il video, sarebbero stati scatenati da una palla non chiamata nel tie-break del secondo set, sul 4-4, anche se l’exploit verbale arriverà nel terzo, come visibile dal tabellone.

 

To Top