Blitz quotidiano
powered by aruba

Palazzo Chigi, picchetto onore confonde Iraq con Iran VIDEO

Palazzo Chigi, altra gaffe cerimoniale: "Onori al premier dell'Iran", ma è quello in visita è dell'Iraq. Il picchetto d'onore ripete il saluto davanti all'irritato Renzi

ROMA – Palazzo Chigi, picchetto onore confonde Iraq con Iran VIDEO. Clamoroso errore nel cerimoniale di accoglienza a Palazzo Chigi, un altro incidente diplomatico dopo la gaffe planetaria delle statue cartonate per coprirne le nudità. Il picchetto d’onore formato dai carabinieri ha confuso l’Iraq con l’Iran.

Uno slittamento di consonante decisamente grottesco, specie considerando i rapporti storici fra i due paesi, l’attuale congiuntura politica e militare, i doveri di ospitalità… Tanto che il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha palesemente mostrato la sua irritazione.

La cronaca. Il premier dell’Iraq, Haider al-Habadi, è in visita a Roma. Una Maserati scura lo conduce all’interno di Palazzo Chigi, ad attenderlo il suo omologo e ospite italiano Matteo Renzi. Il cerimoniale prevede che un picchetto d’onore militare accolga l’ospite salutandolo solennemente. E’ a questo punto che l’ufficiale incaricato inciampa sulla consonante: “Onori al Primo Ministro della Repubblica dell’Iran”, gelo tra i presenti, Renzi non ci può credere. Si rifà: “Onori al Primo Ministro della Repubblica dell’Iraq”, buona la seconda.

Nel mondo non si è ancora spenta l’eco della figuraccia con il premier iraniano, quella che ha fatto parlare (una per tutte) il premio Nobel nigeriano Wole Soyinka di “Resa italiana di fronte all’Isis”, condito da un “L’Italia ha tradito il genere umano”. Distrazione, sufficienza, lapsus: in ogni caso l’errore ha inferto un’altra pugnalata all’immagine dell’organizzazione del cerimoniale della Presidenza del Consiglio. Cerimoniale che include dirigenti di primo piano che non masticano l’inglese e forse considerano il Medio Oriente ancora l’indistinto mondo esotico addormentato dentro un racconto delle Mille e una notte.

 





PER SAPERNE DI PIU'