Video

VIDEO De Rossi, Salah, Nainggolan, fantocci impiccati. Ultrà laziali: “Siamo stati noi”

VIDEO Tifosi Lazio con manichini impiccati giocatori Roma e striscione di minacce al Colosseo

VIDEO Tifosi Lazio con manichini impiccati giocatori Roma e striscione di minacce al Colosseo

ROMA – Sono stati i tifosi della Lazio ad organizzare nella notte lo striscione apparso sul ponte che sovrasta via degli Annibaldi, a pochi passi dal Colosseo, e i manichini impiccati con indosso le magliette di alcuni giocatori della Roma. A renderlo noto sono stati gli stessi supporter biancocelesti che hanno postato un video in numerosi account laziali, nel quale si vedono impegnati nell’operazione.

Lo striscione esposto nei pressi del Colosseo recitava: “Un consiglio senza offesa, dormite con la luce accesa”. Ad accompagnare il tutto sono stati impiccati quattro manichini con indosso le maglie dei giocatori della Roma, tra cui Nainggolan, De Rossi e Salah.

Gli Irriducibili, storico gruppo della Curva Nord della Lazio, ha emesso un comunicato in merito alla vicenda dei manichini e vestiti da calciatori della Roma, appesi nella notte dal gruppo in zona Colosseo. Questo il comunicato:

Meravigliati e stupiti da tanta ottusità, dal sensazionalismo misto all’allarmismo che anima il giornalismo italiano. Con la seguente nota, gli Irriducibili della curva Nord Lazio, rivendicano la natura dello striscione apparso questa notte e chiariscono che il tutto va circoscritto nel sano sfottò che genera il derby capitolino. Nessuna minaccia a nessun giocatore della Roma, le bambole gonfiabili, rappresentano una metafora che vuole rimarcare lo stato depressivo in cui versano i tifosi e i giocatori dell’altra sponda del Tevere. Si tratta della continuazione e non della fine, di un sano sfottò che si protrae gia da tre Derby, l’invito alla luce accesa è per evitare che di notte gli incubi possano disturbare i loro sonni, come accade dal 26 Maggio 2013. Non riteniamo scusarci con nessuno in quanto, seppur di cattivo gusto per alcuni, rientra tutto nel sano diritto a deridere l’avversario calcistico di sempre. Questo comunicato nasce dall’esigenza di rispondere e tutelarci da una stampa attenta a strumentalizzare, allarmare e mistificare piuttosto che limitarsi a fare un’informazione chiara e corretta… Arrivederci al prossimo incubo….

(video da Gazzetta.tv)

To Top