Blitz quotidiano
powered by aruba

Virginia Raggi come Totò a Giannini (Ballarò): “Lei è un replicante…di se stesso”

ROMA – Virginia Raggi attacca e insulta Giannini a Ballarò, con una battuta invero assai modesta, da avanspettacolo anni ’50, : “Lei è un replicante…di se stesso”. Il candidato sindaco di Roma Virginia Raggi tira fuori le unghie a Ballarò. Lo fa davanti al conduttore del talk show Massimo Giannini che l’aveva accusata di essere un “replicante di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio”.

Per nulla intimorita dal faccia a faccia e certamente rassicurata dallo straordinario risultato elettorale del primo turno (la Raggi ha dato ben 11 punti di distacco a Roberto Giachetti, l’altro candidato sindaco arrivato al ballottaggio) la candidata M5s non gradisce la domanda di Giannini e replica:

“Mi dica una cosa però, ci siamo visti qualche settimana fa e mi ha fatto la stessa domanda. Ma anche lei è un replicante di se stesso?”

Giannini, davanti alla sortita della Raggi, risponde: “Ma non c’era stato Fiorello”. La candidata M5s a quel punto  ingoia il leone e, sorpresa dalla sua stessa battuta, trasforma la domanda in un attacco al suo rivale candidato sindaco: “Giachetti ha detto che chiederà a Renzi di consentirgli di dire che la eventuale vittoria o sconfitta saranno sue”. Un contropiede micidiale.





PER SAPERNE DI PIU'