Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Amedy Coulibaly, ultimo video prima di morire

PARIGI – “Sono venuto qui per morire come un martire per vendicare il nome di Allah e del suo profeta Maometto”: con queste parole Amedy Coulibaly iniziò l’attentato al negozio di alimentari kosher (conformi alla tradizione ebraica) Hyper Kosher di Parigi il 9 gennaio di un anno fa.

A raccontare quelle parole, in un filmato diffuso su YouTube, è una delle donne sopravvissute all’attacco al negozio, dove vennero tenute in ostaggio 16 persone, quattro delle quali vennero anche uccise.

Nel filmato si vede Coulibaly mentre racconta alle persone che aveva fatto prigioniere la sua storia e cerca di fornire loro le motivazioni legate al suo tragico gesto poco prima di morire. “Io sono nato in Francia, prova a giustificarsi, e se non avessero attaccato i musulmani tutto questo non sarebbe mai successo”.

Il video fa parte di un documentario della BBC e intitolato “Tre giorni di terrore: gli attacchi a Charlie Hebdo”, e raccoglie la testimonianza di una delle donne sopravvissute a quei momenti.

“Gli ho chiesto se volesse dei soldi. Ma lui mi ha risposto che non avevo capito, che era venuto qui per morire come un martire in nome di Allah e del suo profeta Maometto”.

Nel filmato la donna dice anche che Coulibaly le annunciò che “molti altri come lui sarebbero arrivati in Europa”.

 

 

 





PER SAPERNE DI PIU'