Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Arbitro fischia fine match mentre avversari segnano

LONDRA -L’arbitro del match è intransigente: ha fischiato la fine della partita proprio mentre un giocatore della squadra ospite sta per mettere a segno una rete e lui non ne vuole sapere niente di assegnare comunque la rete.

Questo singolare episodio accade nella quarta serie inglese: in campo si sfidano Wimbledon e Accrington Stanley. Il direttore di gara, Trevor Kettle, fischia la fine del match evitando così che la partita finisca 0-1.

I calciatori dell’Accrington Stanley protestano vivamente con l’arbitro che, impassibile, mostra il cronometro. E così il match finisce in parità.

Nel novembre del 2014, un calciatore ha deciso di sbagliare volontariamente un calcio di rigore assegnato ma che in realtà non c’era. Anche in questo caso l’arbitro aveva preso una decisione non condivisa: aveva deciso di ammonirlo per il suo gesto. Ne parlava La Gazzetta dello Sport che scriveva:

“Callum Hinde è soprannominato “Crazy”, ma il gesto che ha fatto il giro del mondo, in realtà, non ha nulla di folle. È semplicemente rarissimo. Si giocava Kent’s Red Arrows-Wingham, gara del campionato locale Canterbury & District Football League, in Inghilterra, quando l’arbitro Phil Bing ha fischiato un calcio di rigore per una presunta spinta in area: “Crazy” si è portato sul dischetto e ritenendo che il penalty non ci fosse ha calciato il pallone debolmente tra le braccia del portiere. Applausi a scena aperta? Ovazione dello stadio? Niente affatto: solo una sorprendente ammonizione. L’unica consolazione, per Hinde, è arrivata dopo, al di là del 3-0 della sua squadra: i due club hanno deciso di pagargli la multa ricevuta come conseguenza del cartellino giallo”.

Immagine 1 di 5
  • Arbitro fischia mentre gli avversari segnano 5
  • Arbitro fischia mentre gli avversari segnano
Immagine 1 di 5




PER SAPERNE DI PIU'