Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE B-2 Spirit Stealth Bomber, aereo invisibile in volo

ROMA – In queste rare riprese aeree, pubblicate dalla società aerospaziale Northrop Grumman, si può ammirare “l’invisibile” (non viene intercettato dai radar o altri dispositivi) B-2 Spirit Stealth Bomber con il suo design nero lucido che lo rende immediatamente riconoscibile.

Si tratta di immagini non comuni visto che esistono solo una ventina di questi aerei. Con un’apertura alare di circa 53 metri, si può volare fino ad un’altitudine di 15.240 metri e trasportare più di 18mila kg di munizioni e armi come le bombe a caduta libera e nucleari. Nato nel 1997, è l’aereo più costoso mai costruito con un prezzo di 1,01 miliardi di dollari per esemplare.

Ispirato al Northrop N-9M (primo volo 27 dicembre 1942) e alla tecnologia dell’aereo tedesco Horten Ho IX, il B-2 nacque da un progetto segreto conosciuto in un primo momento come High Altitude Penetrating Bomber (HAPB, “Bombardiere da penetrazione ad alta quota”); venne inizialmente identificato come Advanced Technology Bomber (ATB, “Bombardiere tecnologicamente avanzato”) e infine assunse la denominazione di B-2 Spirit. Si stima che negli anni ottanta siano stati spesi circa 23 miliardi di dollari per questo programma. Altre spese furono causate dal cambiamento di ruolo nel 1985 da bombardiere da alta quota a bombardiere a bassa quota, che richiese una parziale riprogettazione. Visto che lo sviluppo del B-2 è stato uno dei segreti meglio custoditi dall’USAF l’opinione pubblica non ebbe modo di criticare gli ingenti costi sostenuti.

Il primo esemplare fu presentato al pubblico il 22 novembre 1988 nella base aerea di Palmdale, in California, dove è stato costruito. Il primo volo avvenne il 17 luglio 1989 nella base aerea di Edwards sempre in California, dove l’Air Force Flight Test Center era il responsabile della costruzione, manutenzione e sviluppo dell’aereo.

Immagine 1 di 3
  • YOUTUBE B-2 Spirit Stealth Bomber, aereo invisibile in volo 04
Immagine 1 di 3

 

 

 





TAG:

PER SAPERNE DI PIU'