Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Boris Johnson: “Obama mezzo kenyano, odia Gb”

LONDRA – Barack Obama “mezzo kenyano. Nel suo attacco polemico al presidente degli Stati Uniti, il sindaco euroscettico di Londra Boris Johnson scivola in un riferimento all’origine “in parte keniana” del leader Usa, scatenando forti polemiche. Nel ricordare un episodio, per molti del tutto falso, in cui Obama avrebbe fatto rimuovere dallo Studio Ovale un busto di Churchill, Johnson ha detto che secondo qualcuno “è l’esempio dell’avversione ancestrale del presidente in parte keniano per l’impero britannico, di cui Churchill è stato uno dei più ferventi difensori”. Insorge il partito laburista: parole “offensive e razziste”.

Mentre è in corso la visita di Obama in Gran Bretagna, un portavoce di Downing Street (la residenza del primo ministro britannico) si è affrettato a bollare come “falso” l’episodio citato da Johnson. Intanto dal Labour continuano ad arrivare le accuse al sindaco di Londra. Per il deputato nero Chuka Umunna, i suoi commenti superano ogni limite e sono degni di Donald Trump, il candidato repubblicano alla Casa Bianca che più volte ha attaccato Obama proprio sulle sue origini. Johnson trova invece un ‘alleato’ nel leader dell’Ukip, Nigel Farage, secondo cui la presunta rimozione del busto sarebbe avvenuta nel primo giorno di Obama alla Casa Bianca, che a causa “di suo nonno, del Kenya e del colonialismo ha un po’ di astio nei confronti di questo Paese”.





PER SAPERNE DI PIU'