Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Bugatti Chiron, supercar da 1.500 cv e 420 km/h

GINEVRA – E’ stata presentata al Ginevra Motor Show, la nuova Bugatti Chiron, la sportiva francese, in versione di serie, detiene il record di velocità per vetture stradali (430.9 km/h).

Bugatti Chiron e verrà realizzata in 500 esemplari, ciascuno venduto ad una cifra base pari a 2,4 milioni di euro (tasse escluse). La Chiron sarà in produzione da settembre e riprende alcuni motivi della Vision Gran Turismo, prototipo disegnato in maniera da anticipare lo stile della nuova W16.

Potenza di 1.500 cavalli e una coppia motrice di 1.600 Nm, che fanno riferimento ad un motore di 8 litri di cilindrata in configurazione V16. In sostanza si tratta di due unità di quattro litri V8 accoppiate, per dare libero sfogo alla follia ingegneristica che perversa sulla Chiron. Unità V16 dotata di ben quattro turbocompressori: due “disponibili” sin da subito, altri due pronti ad “intervenire” a partire da 3.800 giri/min. Propulsore a cui è accoppiato un cambio doppia frizione a sette rapporti, appositamente sviluppato per supportare e sopportare 1.600 Nm di coppia. La trasmissione è a quattro ruote motrice, inevitabile quando i valori in campo sono quelli sopracitati.

La monoscocca della Bugatti Chiron è in fibra di carbonio e sono necessarie 4 settimane di lavoro per realizzarne una. Anche la carrozzeria impiega lo stesso materiale. L’auto raggiunge una rigidità torsionale di 50.000 Nm per grado. Un dato da far invidia alle automobili da corsa più evolute. Oltre al carbonio, il titanio è uno dei protagonisti della vettura franco-tedesca. Titanio impiegato ad esempio per gli scarichi.

Tutto il comparto relativo alla dinamica di guida si correda di una serie di elementi che, oltre a comprendere un sistema di sospensioni a controllo elettronico, riguardano pure l’aerodinamica attiva della vettura. Perché quando si possono toccare i 420 km/h di velocità massima, tutto ciò che interessa l’aria diventa di vitale importanza.

 

 





PER SAPERNE DI PIU'