Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Calciatore uccide arbitro che lo aveva espulso

Espulso per un brutto fallo ai danni di un avversario, è tornato in campo e ha ucciso l'arbitro a colpi di pistola

CORDOBA (ARGENTINA) – Calciatore uccide arbitro che lo aveva espulso. Espulso per un brutto fallo ai danni di un avversario, è tornato in campo e ha ucciso l’arbitro a colpi di pistola. Il drammatico episodio è avvenuto domenica scorsa in Argentina, durante una partita di un torneo minore nella provincia di Cordoba.

“E’ accaduto tutto durante una partita di calcio – hanno spiegato fonti della polizia all’agenzia Efe – Non sappiamo come siano andati esattamente i fatti. Solo che il giocatore era particolarmente arrabbiato e ha recuperato una pistola che aveva nel borsone per poi usarla per uccidere l’arbitro”.

La vittima, Cesar Flores di 48 anni, è stata raggiunta da tre colpi di pistola: uno alla testa, un o al collo e un altro al petto. Colpito anche un altro giocatore, Walter Zarate di 25 anni che è stato immediatamente soccorso ed è, fortunatamente, fuori pericolo. Dopo l’omicidio il calciatore si è dato alla fuga.

 

 





TAG:

PER SAPERNE DI PIU'