Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Cannavacciuolo e Clementino, siparietto a Sanremo

SANREMO – “Io mi chiamo Maccaro, se tolgo la M e metto la P…”. Così il rapper napoletano Clementino, in gara a Sanremo, ha intercettato lo chef Antonino Cannavacciuolo dietro le quinte del teatro Ariston.

Il divertentissimo siparietto, finito su YouTube, è tutto giocato sulle proverbiali e sonore pacche sulle spalle con cui lo chef è solito salutare i suoi interlocutori. Quando Clementino lo ha incontrato nei corridoi gli ha detto:

“Maestro, io sono contento perché il mio cognome è Maccaro: se tolgo la M e metto la P…”.

Il gioco di parole è con “paccaro”, che in napoletano significa schiaffo. E Cannavacciuolo non può fare a meno di rispondere: la pacca sulla spalla del rapper è obbligatoria, nonché meritatissima.





PER SAPERNE DI PIU'