Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Cosa succede se versi catrame bollente su iPhone 6S?

ROMA – Se siete amanti di crash test e altre diavolerie applicate alla distruzione e smontaggio di smartphone e tablet, ecco un video che fa al caso vostro. E’ stato pubblicato sul canale YouTube di TechRax e mostra “cosa succede se versi del catrame nero bollente su un iPhone 6S?”

Sprechi a parte, il video ha già totalizzato un milione e passa di visualizzazioni. Ma se non vi basta, sullo stesso canale ce ne sono di altrettanto “soddisfacenti”: c’è chi ci corre sopra, chi prova a bollirlo, chi gli dà fuoco ecc.

Intanto tra pochi giorni Cupertino presenterà i nuovi gioielli di casa Apple: un nuovo iPad e soprattutto un nuovo iPhone, più piccolo dei modelli attuali, che dovrebbe contribuire ad alimentare la crescita anemica delle vendite di melafonini. La data ufficiale è il 21 marzo, cioè il giorno prima dell’udienza in tribunale in cui la compagnia dovrà motivare il suo no alle richieste dell’Fbi sulla creazione di un software per sbloccare l’iPhone di uno dei killer di San Bernardino.

Stando alle voci in circolazione, il prodotto clou dell’evento sarà l’iPhone SE, uno smartphone con schermo da 4 pollici, più piccolo dei modelli attuali da 4,7 e 5,5 pollici. Costerà un po’ meno dei fratelli maggiori, ma non sarà certo un dispositivo economico, mantenendo prestazioni elevate all’altezza del brand. La pur ampia fetta di mercato dei low cost, infatti, non è mai interessata alla casa californiana, che con la scelta di riproporre un melafonino da 4 pollici punta piuttosto a soddisfare i consumatori interessati a telefoni meno ingombranti

Sul fronte dei tablet, che negli ultimi tre mesi del 2015 ha visto un calo delle vendite del 25%, l’attesa è per un iPad Pro da 9,7 pollici, fratello minore del Pro da 12,9 pollici, svelato a settembre scorso e anch’esso provvisto di pennino e tastiera staccabile, che lo fa assomigliare a un computer portatile. Molto probabile, poi, la presentazione di nuovi cinturini per l’Apple Watch, ed è possibile anche un aggiornamento dei notebook.





PER SAPERNE DI PIU'