Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Warriors travolgono Cavs: Curry umilia LeBron James

I Warriors disintegrano i Cavs nell'Arena in cui hanno vinto le Finals 2015: James si fa fischiare un fallo tecnico per una gomitata, Smith viene espulso.

CLEVELAND – I Warriors disintegrano i Cleveland Cavaliers 132-98 in Ohio, nell’Arena in cui hanno vinto le Finals 2015. Per Stephen Curry 35 punti in 3 quarti, l’ultimo non neanche ha avuto bisogno di giocarlo, con i californiani avanti di 37 punti.

Un monologo Warriors. Golden State scappa con il 7-10 da tre del primo quarto, e prima dell’intervallo i californiani toccano il +30. E’ la vittoria di una filosofia: troppo rapidi, aggressivi e capaci di muovere il pallone accanto a Curry (21 punti a metà, 35 alla fine in meno di 30’), i Warriors hanno gioco facile contro i Cavs che guidano l’Est, ma che appaiono lenti e prevedibili: in poche parole, troppi palleggi e pochi passaggi.

Il crollo è destinato a lasciare tracce nella mente dei Cleveland Cavaliers, le cui difficoltà sono simboleggiate da LeBron James (soltanto 16 punti) ma anche dal flop di Kevin Love, impotente contro Draymond Green (16 e 10 assist) e Iguodala (20).

Questi i risultati della notte Nba: Toronto-Brooklyn 112-100, New York-Philadelphia 119-113 (dopo 2 supplementari), Charlotte-Utah 124-119 (d2ts) Washington-Portland 98-108, Memphis-New Orleans 101-99, Detroit-Chicago 101-111, Atlanta-Orlando 98-81, Cleveland-Golden State 98-132, Dallas-Boston 118-113 dts.

 

 





PER SAPERNE DI PIU'