Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Donna che si crede un gatto: la storia di Nano

Nano ha 20 anni, vive a Oslo, in Norvegia, e ha 16 anni ha scoperto di avere un "difetto genetico" che la porta a comportarsi come un gatto

OSLO – Donna che si crede un gatto. Nano ha 20 anni, è norvegese, ama i cartoni animati giapponesi ed è un gatto. Almeno lei ne è convinta. E la sua storia è finita sui giornali del suo Paese e presto anche su quelli stranieri.

Intervistata dal canale YouTube NRK P3 Verdens Rikeste Land, Nano ha raccontato che cosa la rende un gatto. All’apparenza, infatti, sembra una normale, ordinaria ragazza di vent’anni, forse un pochino eccentrica, se si considera il cerchietto sui capelli con le orecchie da gatto e la coda di peluche bianca che spunta da sotto il cappotto.

La giovane donna ha spiegato che sin da piccola lei sente e vede come un gatto: è in grado di avvertire rumori minimi, come il suono delle chiavi nelle tasche di qualcuno o lo scricchiolare della suola delle scarpe, anche nella folla. Dice di vedere meglio di notte che di giorno. E sostiene di avere una reazione di fastidio quando avverte nelle vicinanze un cane e inizia a soffiare.

Comunica anche con i miagolii, e dice di avere un amico che è diventato gatto e che la capisce. Alla televisione norvegese ha raccontato di aver scoperto di essere una gatta quando aveva sedici anni. A dirglielo, sostiene, furono alcuni medici e psicologi. In lei, dice, ci sarebbe un difetto genetico. Il suo psicologo è convinto che lei possa superare “la cosa”. Ma lei la pensa diversamente: “Resterò un tutta la vita”.

Immagine 1 di 8
  • YOUTUBE Donna che si crede un gatto: la storia di Nano 8
Immagine 1 di 8

 

 





PER SAPERNE DI PIU'