Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Ettore Scola, addio commosso di Stefania Sandrelli

Il regista e l'attrice avevano girato insieme quattro film: nel 1974 'C'eravamo tanto amati', nel 1980 'La terrazza', nel 1987 'La famiglia', nel 1998 'La cena' e poi nel 2003 il documentario, sempre diretto da Scola, 'Gente di Roma'.

ROMA – ”Avesse dovuto scegliere una parola su tutte questa parola sarebbe stata: noi. Mi ha trasmesso la meraviglia della collaborazione nel nostro lavoro, della condivisione, del sostegno, il privilegio la magia di fare le cose insieme e che cose abbiamo fatto insieme, che film!”: Stefania Sandrelli è addoloratissima per la morte di Ettore Scola.

Piange e decide di buttare giù i suoi pensieri a caldo, di provare con qualche ricordo che emerge a tenere a bada la tristezza che prova. Si sono conosciuti quasi 50 anni fa, lei ha interpretato capolavori a cominciare da ‘C’eravamo tanto amati’, del 1974, e da allora non si sono persi di vista.

”La tenerezza, la passione, e l’ironia di quell’ultimo bacio che ci siamo dati il dieci luglio nei giardini di Cinecittà davanti alle sue amate Gigliola, Paola e Silvia (la moglie e le due figlie, ndr) mi rimarrà sulle labbra per sempre”, dice la Sandrelli che lo aveva invitato, invano, allo spettacolo teatrale con la figlia Amanda.

Le strade cinematografiche di Scola e della Sandrelli si sono incrociate quattro volte e per film che hanno fatto la storia del cinema italiano: nel 1974 con ‘C’eravamo tanto amati’, nel 1980 con ‘La terrazza’, nel 1987 con ‘La famiglia’, nel 1998 con ‘La cena’ e poi nel 2003 per il documentario, sempre diretto da Scola, ‘Gente di Roma’.

Immagine 1 di 5
  • YOUTUBE Ettore Scola, addio commosso di Stefania Sandrelli 3
Immagine 1 di 5

(Video da ‘C’eravamo tanto amati’)

(Video da ‘La terrazza’)





PER SAPERNE DI PIU'