Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE La villa esplosa dove c’era Gabriel Garko

Si tratta di “Villa delle Rose”, una casetta familiare affittata a Gabriel Garko per il periodo del Festival di Sanremo, andata letteralmente distrutta nell’esplosione. Macerie, vetri e inferriate sono sparsi ovunque nel raggio di qualche metro.

SANREMO – Un’esplosione, forse per una fuga di gas, ha sventrato una villa in via Privata delle Rose. Si tratta di “Villa delle Rose”, una casetta familiare affittata a Gabriel Garko per il periodo del Festival di Sanremo, andata letteralmente distrutta nell’esplosione. Macerie, vetri e inferriate sono sparsi ovunque nel raggio di qualche metro.

Sul posto, oltre a 118, carabinieri e polizia municipale, ci sono i Vigili del Fuoco che stanno cercando una persona sepolta dalle macerie. Nell’esplosione della villetta, che si trova nel quartiere del Solaro sulle alture della città ligure, è morta una donna, probabilmente la proprietaria dlel’immobile. Una giovane donna sarebbe leggermente ferita. Per l’attore, trasportato all’ospedale di Sanremo, solo lievi escoriazioni e uno stato di choc: dovrebbe guarire in una decina di giorni.

Garko si è salvato perché dormiva al piano inferiore della villetta dove è avvenuta l’esplosione. Lo scoppio si è verificato al piano superiore dove si trovava la padrona di casa di 76 anni e una collaboratrice dello staff del presentatore. La donna è morta carbonizzata e l’onda d’urto ha scagliato detriti nel raggio di 50 metri. Il magistrato ha disposto il sequestro della villa e ha affidato l’incarico per una prima perizia. Secondo i primi accertamenti a provocare l’esplosione sarebbe stata un fuga di gas.

Immagine 1 di 13
  • YOUTUBE La villa esplosa dove c'era Gabriel GarkoLa villa esplosa dove c'era Gabriel Garko
  • Gabriel Garko, esplode villa a Sanremo: ferito, donna morta
  • L'attore Gabriel Garko, in posa sulla darsena del Lido, 3 settembre 2009. ANSA/CLAUDIO ONORATI
  • L'attore Gabriel Garko durante la presentazione della fiction "Il Peccato e la Vergogna 2", Roma, 09 gennaio 2014. ANSA / ETTORE FERRARI
Immagine 1 di 13

 





PER SAPERNE DI PIU'