Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Lazio-Napoli sospesa 2 minuti, ululati a Koulibaly

Sentiti i soliti cori della curva Nord sul Vesuvio e gli ululati quando toccava la palla Koulibaly, che hanno costretto l’arbitro Irrati a interrompere la gara per due minuti.

ROMA – Il calcio deve ancora una volta cedere il passo all’inciviltà e alla meschinità di chi dovrebbe amarlo ma, purtroppo, troppo spesso si ritrova a ridurlo a qualcosa che non gli appartiene. Parliamo di uomini, che fatichiamo a definire tifosi, che durante la partita di campionato tra Lazio e Napoli hanno iniziato ad inveire contro gli avversari con cori razzisti e beceri.

Nel secondo tempo, mentre il Napoli continuava a dominare sul campo (2-0 il finale), l’arbitro è stato costretto ad interrompere il gioco. Massimiliano Irrati ha applicato il regolamento, sospendendo il gioco e dando incarico, attraverso il quarto uomo, di annunciare tramite lo speaker dello stadio che la partita potrebbe concludersi se i cori razzisti continuassero.

Ancora razzismo, dunque, sugli spalti della Curva Nord della Lazio. Gli ultras biancocelesti hanno più volte intonato il coro: “O Vesuvio lavali con il fuoco” all’indirizzo dei supporter napoletani, poco prima del fischio d’inizio. Ma il trattamento peggiore lo hanno riservato per il difensore azzurro di colore Koulibaly, bersaglio di ululati per tutta il match. Al 65′ l’arbitro ha sospeso la partita per 2 minuti. Alla fine il Napoli è uscito vittorioso dalla partita.

Immagine 1 di 7
  • Lazio - Napoli foto LaPresseLazio - Napoli foto LaPresse
  • Napoli, esultanza nella foto LaPresse
  • Napoli, esultanza nella foto LaPresse
  • Napoli, Sarri nella foto LaPresse
Immagine 1 di 7




PER SAPERNE DI PIU'