Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Loris Baz, incidente Sepang: gomma esplode a 260km/h

Per precauzione abbiamo chiesto alle squadre di non usarla più – ha detto Nicholas Goubert, direttore tecnico della Michelin -, mentre porteremo quel che resta del pneumatico a Clermont Ferrand per analizzarlo. La gomma non era nuovissima, ma non aveva percorso più di 5-6 giri..."

SEPANG – Brutto incidente per Loris Baz, il 23enne pilota francese della Ducati, durante il secondo giorno di prove a Sepang, in Malesia. “Non so cosa sia successo, avevo avvertito qualcosa poco prima dell’ultima staccata, poi all’improvviso in piena accelerazione la moto si è bloccata e sono volato via – spiega pochi minuti dopo la caduta Baz -. Forse un problema al motore o alla sospensione, non penso sia stato a causa della gomma”.

“Per precauzione abbiamo chiesto alle squadre di non usarla più – ha detto Nicholas Goubert, direttore tecnico della Michelin -, mentre porteremo quel che resta del pneumatico a Clermont Ferrand per analizzarlo. La gomma non era nuovissima, ma non aveva percorso più di 5-6 giri, per cui non è una questione di usura. Probabilmente a innescare il problema è stato l’assetto della moto in correlazione alla pressione del pneumatico, troppo bassa. Ma non avendo un sensore della pressione sulla gomma non possiamo esserne certi. In ogni caso, per ragioni di sicurezza abbiamo chiesto ai team di alzare la pressione minima”.

I TEMPI – Poco dopo mezzogiorno le prove sono riprese, con Danilo Petrucci e la Ducati GP15 del team Pramac davanti a tutti con il tempo di 2’00”095, che è rimasto il più veloce per tutto il giorno. Secondo Lorenzo, scivolato pure lui, ma per colpa dell’anteriore e alla curva 5 – stessa sorte per Pol Espargaro e Pedrosa -, staccato di soli 60 millesimi (2’00″155). A seguire, 3° Barbera a 0″292, 4° Marc Marquez (2’00”843) davanti a Cal Crutchlow (2’00″899) e Valentino Rossi, 6° in 2’01″021, risalendo nel pomeriggio dopo il 9° crono della mattinata. Bene Casey Stoner, 9° (2’01″103) e di un soffio alle spalle dell’altra Desmosedici di Andrea Iannone (2’01″052). 12° Pedrosa (2’01″475), 14° Dovizioso (2’01″723).





TAG:

PER SAPERNE DI PIU'