Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Messa per Mussolini a Napoli: giornalisti aggrediti

NAPOLI – Giornalisti aggrediti da nostalgici del Fascismo a Napoli. Accade all’uscita dalla messa in suffragio di Benito Mussolin, in occasione dell’anniversario di Piazzale Loreto che cade il 28 aprile. Nel capoluogo partenopeo la funzione si svolge da anni, nella Basilica di San Fernando, in piazza Trieste e Trento. Ma quest’anno i cronisti sono stati lasciati alla porta, letteralmente invitati ad uscire dalla basilica pochi minuti dopo l’avvio della funzione. Senza spiegazioni.

Al termine della cerimonia i reporter rimasti in piazza hanno chiesto delucidazioni ai partecipanti in uscita ma quelli li hanno aggrediti. Nei video diffusi da Fanpage e da Cno WebTv si vedono i giornalisti armati di telecamere che vengono allontanati e minacciati. In particolare un uomo si avventa contro una giovane reporter tentando di metterle le mani in faccia e spintonandola. Colpi anche sulla videocamera.

Si sentono insulti pesanti, le immagini ad un certo punto si fanno concitate perché la reporter è braccata su più fronti. “Non mi toccate – continua a ripetere – non vi permettete”.

Raffaele Bruno, candidato sindaco Movimento Idea sociale, si dissocia dalle aggressioni: “Chi ha paura di essere ripreso dalle telecamere dimostra di essere un rinnegato. Io alla luce del sole chiedo di intitolare piazza del Plebiscito a Benito Mussolini”.

 





PER SAPERNE DI PIU'