Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Molenbeek contro poliziotti durante arresto Salah

BRUXELLES – Molenbeek, un quartiere che quando la polizia arresta il super terrorista Salah Abdeslam…fischia gli agenti e tira loro oggetti anziché applaudirli. E’ invece è proprio questo che è accaduto nella zona di Bruxelles in cui gli agenti belgi hanno arrestato il super ricercato per le stragi di Parigi dell’11 novembre. Gli abitanti del rione si sono scagliati contro le forze dell’ordine, un po’ come avveniva in alcuni quartieri di Napoli durante gli arresti di presunti criminali.

Scrive Marco Imarisio sul Corriere della Sera:

«Andatevene, qui non c’è posto per voi». Ci sono delle donne velate e dei ragazzi in tuta nera che inveiscono oltre il cordone di Polizia. Non si capisce se stanno protestando per l’assedio in corso, che impedisce loro di tornare a casa, o se le loro urla, e anche qualche sputo, sono frutto della rabbia per la cattura di un uomo che hanno visto crescere, diventato famoso in tutto il mondo, ma per le ragioni sbagliate.

La place Comunàle dove da ragazzi giocavano a pallone Salah Abdeslam e il suo amico Abdellahamid Abbaoud, la mente degli attentati del 13 novembre, è un recinto chiuso da ogni lato dove sono ammassati i giornalisti appena arrivati per raccontare la cattura del terrorista più ricercato d’Europa, forse del mondo. Dentro ci sono anche i negozianti della piazza e altri residenti che sono rimasti tagliati fuori. Sono loro che inveiscono contro gli stranieri, in divisa e non solo. Proprio sotto il balcone e le finestre della casa di famiglia degli Abdeslam, dove si intravede una luce accesa.

Immagine 1 di 24
  • Salah Abdeslam, come è stato catturato: impronte e...4Foto Ansa
  • Foto Ansa
  • Foto Ansa
  • Salah Abdeslam, come è stato catturato: impronte e...
  • Ansa
  • Ansa
  • Ansa
  • Ansa
  • Ansa
  • Ansa
  • Ansa
  • Ansa
  • Ansa
  • Ansa
  • Rue des Quatre-Vents a Molenbeek (Bruxelles) nella piantina di Google Maps
  • Il momento dell'arresto
Immagine 1 di 24




PER SAPERNE DI PIU'