Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Mongolia, vita da nomadi: la migrazione nella neve

ULAN BATOR – La migrazione dei pastori nomadi in Mongolia: ecco un video che testimonia la loro vita e i loro spostamenti nelle steppe all’arrivo della primavera, tra febbraio ed aprile, quando devono trasportare tutti i propri beni, le tende ed il bestiame per le periodiche migrazioni attraverso le montagne, tra neve e ghiaccio, con temperature che arrivano a 40 gradi sotto zero.

Questo video documenta il percorso di 160 chilometri compiuto dai pastori sulle montagne dell’Altai, nelle zone più remote del Paese asiatico, portandosi dietro le mandrie di mucche, yak, cammelli, capre e pecore.

Il filmato, postato su YouTube, è stato girato dal regista e fotografo Timothy Allen, che ha viaggiato insieme ai nomadi kazakhi della Mongolia occidentale durante la loro migrazione di primavera durata sei giorni.

Il suo primo viaggio è avvenuto nel 2015, e quest’anno ha ripetuto l’esperienza insieme ad otto fotografi provenienti da Europa, Stati Uniti e Nuova Zelanda.

I nomadi che erano con loro sono di etnia kazaka e sono noti per cacciare con le aquile e ogni anno, tra febbraio e aprile, con le loro 200 famiglie attraversano le montagne dell’Altai.

Timothy Allen, in particolare, era al seguito di una di queste famiglie, quella di Shohan e di sua moglie Perna, che ogni anno si spostano per sei volte tra i campi stagionali della provincia di Bayan Ulgii.

Immagine 1 di 10
  • YOUTUBE Mongolia, vita da nomadi: la migrazione nella neve 11
Immagine 1 di 10

 





TAG: ,

PER SAPERNE DI PIU'