Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Nasa, foto più grande di sempre, 100 mln di stelle

ROMA – La foto più grande di sempre. E forse la più suggestiva mai scattata. A realizzarla è stata la Nasa ed è una foto che ritrae una porzione della galassia Andromeda. La foto in questione è stata realizzata dal telescopio Hubble Scape. Impressionanti le dimensioni: 1,3 miliardi di pixel. La foto, quindi, da sola ha bisogno di oltre 4 giga di spazio per essere ospitata su di un hard disk. In una sola foto, grazie al telescopio, sono state immortalate più di 100 milioni di stelle

La nostra ‘vicina di casa’ cosmica nasconde una storia di violenza e caos: è la galassia Andromeda, il cui passato recente sarebbe stato segnato in modo indelebile da violenti scontri con altre piccole galassie. A rivelarlo è il disordine in cui versano le sue stelle più antiche, al centro di uno studio presentato dai ricercatori dell’Università della California a Santa Cruz in occasione del congresso della Società americana di astronomia a Seattle.    Per sbirciare a casa della nostra vicina, gli astronomi della Nasa hanno usato i dati raccolti nell’ambito di due ampie ricerche: lo studio Splash (Spectroscopic and Photometric Landscape of Andromeda’s Stellar Halo), che ha misurato la velocità radiale di oltre 10.000 stelle di Andromeda con lo spettrografo Deimos dell’osservatorio W. M. Keck alle Hawaii, e lo studio Phat (Panchromatic Hubble Andromeda Treasury), che ha permesso di riprendere in alta definizione metà di queste stelle grazie al telescopio Hubble. Incrociando i dati delle due ricerche è stato possibile ricostruire i movimenti delle diverse popolazioni di stelle: quelle più giovani sembrano ruotare in modo abbastanza ordinato attorno al centro di Andromeda, tutte più o meno alla stessa velocità, mentre le stelle più vecchie si muovono in modo più caotico.

”Perfino le stelle più ordinate di Andromeda sembrano disordinate se confrontate con quelle della nostra Via Lattea”, spiega la ricercatrice Claire Dorman. Questa confusione potrebbe trovare una spiegazione nel passato di Andromeda: la galassia, infatti, avrebbe recentemente attraversato un periodo turbolento, segnato da un vero e proprio bombardamento da parte di galassie più piccole.