Video

YOUTUBE Nicki Minaj, concerto Angola per figlia dittatore

LUANDA (ANGOLA) – Sabato 19 dicembre la cantante statunitense Nicki Minaj ha tenuto un concerto a Luanda, la capitale dell’Angola. Fin qui niente di male se non fosse che il concerto faceva parte di un festival natalizio sponsorizzato da Unitel, una società di telecomunicazione controllata dalla figlia di Jose Eduardo dos Santos, presidente e dittatore dell’Angola dal 1979.

La società Blueprint Group che controlla i diritti dei concerti di Minaj, per il concerto avrebbe guadagnato circa 2 milioni di dollari. Si è trattato quindi di un bell’affare per la Minaj se non fosse che l’Angola, paese con 24 milioni di poveri e con il 70 per cento della popolazione che vive con meno di due dollari al giorno, è attualmente governata da una dittatura.

L’associazione no profit Human Rights Foundation, per bocca del suo presidente Thor Halvorssen ha detto: “Nicki Minaj è un’artista mondiale, apprezzata da milioni di persone. Non ci sono buone ragioni perché lei possa accettare di mettersi in affari con la corrotta dittatura dell’Angola e appoggiare la società della famiglia che controlla quella dittatura“.

Nel 2013, anche Mariah Carey  fu criticata per aver cantato per Jose Eduardo dos Santos. La cantante ha pubblicato un video e delle foto su Instagram che mostrano l’entusiasmo ricevuto nel paese africano.

 

To Top