Video

YOUTUBE “Ooho”, acqua da bere senza bottiglietta (né altra plastica)

YOUTUBE "Ooho", acqua da bere senza bottiglietta (né altra plastica)

YOUTUBE “Ooho”, acqua da bere senza bottiglietta (né altra plastica)

LONDRA – Abolire le bottigliette di plastica, inquinanti e ingombranti, presto potrebbe essere possibile. Merito di “Ooho”, così si chiamano le sfere di acqua potabile messe a punto da tre ingegneri spagnoli, Rodrigo García González, Guillaume Couche e Pierre Paslier, dello Skipping Rocks Lab.

Le palline trasparenti piene d’acqua sono fatte di una doppia membrana gelatinosa costituita da una mistura di alginato di sodio, ricavato da alghe marine, e di cloruro di calcio. Sono totalmente commestibili, leggere e biodegradabili.

San raffaele

Sono state messe a punto dai tre ingegneri nel 2014, ma adesso si punta ad un loro lancio sul mercato. Anche perché oltre all’acqua potrebbero contenere qualunque altra bevanda.

Realizzare ciascuna di queste sfere d’acqua attraverso la tecnica della gelificazione, utilizzata anche in cucina, costa solo due centesimi di euro. E i costi per lo smaltimento sono ovviamente assai inferiori a quelli richiesti da una bottiglia di plastica.

Come hanno spiegato i suoi creatori,

“Ooho è un’alternativa sostenibile alle bottiglie di plastica e alle tazze, totalmente biodegradabile e talmente naturale che si può anche mangiare. La confezione è più economica della plastica e può contenere qualunque bevanda, inclusi soft drink, liquori e anche cosmetici”.

Sottolinea Filippo Mariotti su Rtv San Marino: 

Nel momento storico in cui uno dei principali problemi di inquinamento al mondo è causato dalle mastodontiche isole di plastica negli oceani, la piccola impresa londinese si propone come parte della soluzione. L’invenzione risale al 2013, anno anche della prima presentazione. Dall’idea alla produzione su larga scala il passo è però lungo. È nata così la campagna di crowdfunding che ha permesso ai giovani ricercatori di raccogliere ben 700mila dollari (…). Il prossimo passo sarà quello di rendere la bolla disponibile in grandi eventi, come maratone o concerti.

 

To Top