Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Pennacchi a Salvini: Tua madre doveva picchiarti

ROMA – Pennacchi a Salvini: Tua madre doveva picchiarti.  “Se  hanno beccato un leghista che ha sbagliato il primo a tirare i calci in culo sono io. Ma al governo c’è un partito che ha 400 tra arrestati e inquisiti”. Matteo Salvini, ospite di Fuori Onda su La7, litiga con lo scrittore Antonio Pennacchi. Con quest’ultimo che chiude la discussione dicendo: “Sei come un calciatore che mena e quando subisce un fallo frigna”.

Ad innescare la discussione è un intervento di Pennacchi che, davanti alle affermazioni del leader della Lega parla di un “sistema Lombardia” caratterizzato dal malaffare come nelle altre regioni d’Italia.

Salvini, però, non gradisce e replica sarcastico: “La Lombardia è la patria di tutte le mafie”. A quel punto Pennacchi si altera e replica: “Ma perché fa ste c… di battutine? Ma vai a scuola prima de fa le battutine, ma studia!”

Ma perché si agita il signore col cappello in studio? Risponde Salvini che evidentemente punta a far inalberare Pennacchi ancora di più. Poi il leader della Lega spiega di aver fatto anche il liceo classico e di aver avuto anche dei sette in latino e greco.

La discussione degenera con Pennacchi che spiega che la mamma di Salvini avrebbe dovuto “riempirlo di botte” quando era piccolo. E fino a fine discussione sono scintille. Per fortuna a distanza.

 





PER SAPERNE DI PIU'