Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Tigre sbrana addestratrice prima dello spettacolo

ROMA – Sbranata da una tigre che conosceva bene e che accudiva da anni. E’ successo a una addestratrice di uno zoo della Florida, negli Stati Uniti. La donna, Stacey Konwiser, 38 anni, è morta per le gravi ferite riportate. Ne parla Federica Macagnone su Il Mattino:

Intorno alle 14 la donna stava lavorando con uno dei quattro animali per la preparazione dello spettacolo che poco dopo sarebbe stato messo in scena: non è chiaro cosa sia successo, ma improvvisamente la belva di 13 anni si è scagliata contro di lei mordendola e provocandole gravi ferite. Alcuni dipendenti dello zoo hanno immediatamente attivato il protocollo di sicurezza ed è stato necessario attendere che la tigre venisse sedata prima di soccorrere Stacey: la donna è stata portata al St. Mary Medical Center dove è morta qualche ora dopo per le gravi ferite riportate. I visitatori dello zoo sono stati scortati fuori dal parco, anche se l’incidente è avvenuto in un’area riservata solo al personale. «Gli ospiti non sono mai stati a rischio durante l’attacco – ha detto il portavoce dello zoo, Naki Carter – Questa è la prima morte per mano di un animale nella storia del Palm Beach Zoo. Non ci sono parole per descrivere il nostro stato d’animo. Abbiamo perso un membro della famiglia e siamo tutti in lutto».Stacey si era laureata alla Mount Holyoke College di South Hadley, nel Massachusetts, e si era formata per potersi prendere cura di animali selvatici. Aveva iniziato a lavorare allo zoo tre anni fa, diventando la custode delle quattro tigri malesi e dei koala. Con il marito condivideva la passione per gli animali: aveva conosciuto Jeremy dieci anni fa in uno zoo della California e da qualche anno lavorano entrambi al Palm Beach zoo. «Lavorare con le tigri era la sua specialità – ha concluso Carter – Le amava. Non si riesce a lavorare nel settore se non si ha l’amore per gli animali e la percezione del pericolo. Stacey era perfetta. Parlava loro una lingua che solo loro potevano capire. Era molto brava e non riusciamo a capire cosa sia successo esattamente. Non ci resta che aspettare i risultati dell’inchiesta».

 





TAG: , , ,

PER SAPERNE DI PIU'