Afghanistan/ Hillary Clinton conferma contatti di pace Usa-Iran e apre alla Russia

Pubblicato il 1 Aprile 2009 7:41 | Ultimo aggiornamento: 1 Aprile 2009 8:42

Incontro imprevisto, ma gradito, all’Aja, alla Conferenza Onu sull’Afghanistan, tra l’inviato speciale statunitense per l’Afghanistan e il Pakistan, Richard Holbrook, ed un delegato iraniano. Lo ha confermato il segretario di Stato americano, Hillary Clinton.

“L’incontro non era programmato e non ha toccato temi di sostanza – ha spiegato la Clinton – La partecipazione e l’intervento del rappresentante iraniano alla conferenza è un segnale promettente per una futura collaborazione. Abbiamo concluso con l’impegno di tenerci in contatto”.

La Clinton ha parlato, nella sessione pubblica, molto apertamente: Perché si abbia successo nel processo di pace e nella lotta alla droga, ci vuole l’aiuto di tutti. E il delegato iraniano ha replicato subito: siamo pronti.

Poi, in una intervista televisiva, Hillary Clinton ha aperto alla Russia, spiegando: lo schieramento dei missili non aveva intenzioni aggressive, ma difensive, nel caso di un attacco dall’Iran o da qualche stato canaglia.

Pronto Medvedev, presidente russo: mettiamo una pietra sul passato, parliamoci.