Afghanistan: ordigno uccide sergente-eroe, insignito dalla regina Elisabetta

Pubblicato il 23 Settembre 2009 13:10 | Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2009 13:31

afghanistanIl sergente Michael Lockett, eroe britannico del Reggimento Mercian, è  morto nell’esplosione di un ordigno improvvisato nella provincia di Helmand, nell’Afghanistan sud-occidentale. Due anni or sono, nella notte dell’ 8 settembre 2007, il sergente Lockett  si era guadagnato la Military Cross sfidando il fuoco dei talebani per aiutare i commilitoni in difficoltà nel tentare di recuperare un cadavere.

Michael aveva 29 anni ed è  il duecentodiciassettesimo caduto britannico in Afghanistan, il primo ad esser deceduto dopo aver ricevuto l’onoreficenza della Croce militare, conferitagli dalla regina Elisabetta nel giugno 2008. Un altro soldato insignito della Military Cross era stato ucciso successivamente in Iraq.

Lockett, che lascia una fidanzata e tre figli di 8, 7 e 5 anni, era alla sua terza missione in Afghanistan, dopo aver prestato servizio anche in Bosnia e in Irlanda del nord. Aveva deciso di tornare nel Paese asiatico per trasmettere ai nuovi arrivati la sua grande conoscenza del territorio e delle tecniche di guerriglia. Una conoscenza che però  lunedì scorso non è  bastata a salvarlo dall’ordigno fatto esplodere dopo che era sceso dal suo veicolo per ispezionare la strada, nel distretto di Gereshk. Nella deflagrazione sono rimasti feriti altri due militari.