Aids/ L’Africa a rischio: sempre meno fondi per i vaccini contro l’Hiv. Se i finanziamenti sono in calo, il contagio non si ferma

Pubblicato il 20 Luglio 2009 13:05 | Ultimo aggiornamento: 20 Luglio 2009 13:05

Cambiano le esigenze, si affinano le strategie, ma il fanale d’allarme è ancora in rosso. In tema di salute globale, l’Africa deve fare i conti tutti i giorni con l’Aids. La minaccia Hiv diventa ancora più pressante quando i fondi per i vaccini si fanno sempre meno consistenti. Nel 2008 sono stati stanziati 868 milioni di dollari, un finanziamento non da sottovalutare nella lotta alla malattia, ma che dimostra un calo del 10 % rispetto al 2007.

A Città del Capo, in Sudafrica, è in corso la V conferenza della International Aids Society, dove è stato presentato uno studio condotto dal Gruppo di lavoro sulle risorse destinate a vaccino e macrobicidi. Nella roulette di aiuti all’Africa sono coinvolte anche le aziende farmaceutiche e i loro relativi interessi a far fruttare il mercato dei vaccini.

Nel 2008 gli investimenti in ricerca per la prevenzione dell’Aids hanno raggiunto quota 1,2 miliardi di dollari: 868 mln per ricerca e sviluppo di vaccini, in calo del 10% rispetto all’anno precedente; 244 mln per i microbicidi, +8% rispetto al 2007. In aumento anche le risorse stanziate per testare gli anti-retrovirali com profilassi contro il virus, +13%.