Antisemitismo, “Antifa Hier”: Beppe Sala ribatte alla scritta sulla casa della deportata a Mondovì

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 Gennaio 2020 18:26 | Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio 2020 18:26
Antisemitismo, "Antifa Hier": Beppe Sala ribatte alla scritta sulla casa della deportata a Mondovì

Antisemitismo, “Antifa Hier”: Beppe Sala ribatte alla scritta sulla casa della deportata a Mondovì (Foto Instagram)

MILANO  –  “Antifa Hier”, qui vive un antifascista. Con questa scritta il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha voluto ribattere alla scritta antisemita apposta sulla porta della casa di una deportata a Mondovì (Cuneo). 

Sala ha appeso il cartello fuori dalla porta di casa sua in segno di solidarietà per quanto accaduto a Mondovì. Ha poi postato la foto sul proprio profilo Instagram e a corredo ha scritto la didascalia: “Qui vivo io”. 

“Juden Hier”, “Qui vivono ebrei”: questa la scritta, accompagnata dalla stella di Davide, comparsa a Mondovì, città Medaglia di Bronzo al Valor Militare nella Guerra di Liberazione della provincia di Cuneo, lo scorso 24 gennaio.

La scritta è stata apposta sulla porta della casa in cui ha vissuto Lidia Beccaria Rolfi, nella via che prende il nome della staffetta partigiana morta nel 1996, amica di Primo Levi, grande voce dell’orrore dei lager. A scoprirla il figlio Aldo, che dalla madre ha raccolto il testimone, e che nei giorni scorsi aveva firmato un articolo sul settimanale locale Provincia Granda contro “l’emergenza odio”. (Fonti: Ansa, Agi, Instagram)