AS Roma/ La Sensi fa il punto sul mercato, la cessione della società ed il travagliato rapporto coi tifosi. Il magnate Prokhorov non è più interessato alla società giallorossa

Pubblicato il 10 Agosto 2009 13:41 | Ultimo aggiornamento: 10 Agosto 2009 13:41

as_roma_rossella_sensi«Non stiamo smantellando la società» Il presidente della Roma Rossella Sensi va all’attacco e torna a parlare di mercato, della vicenda Fioranelli e delle voci di un interessamento provenienti dalla Russia.

Primo argomento il mercato giallorosso. La Sensi è categorica: «Dopo la cessione di Aquilani la a Roma non si priverà di altre stelle. De Rossi non è e non sarà in vendita».

Poi il presidente giallorosso fa un invito ai tifosi: «Io sono ipercritica, ma non c’è molto da rimproverarmi. Accetto critiche ma non insulti. La mia famiglia non mangia con la Roma. Mio padre non ha mai preso, ha sempre dato. Anche perché amava in modo folle questa squadra».

E la vicenda Fioranelli? «La Roma è della famiglia Sensi – ha spiegato -. Abbiamo ascoltato il progetto di Vinicio Fioranelli, ma non siamo mai arrivati vicini alla cessione della società. Soros? Ha confermato che lo scorso anno non era interessato alla Roma».

Nel frattempo dalla Russia arrivano le prime smentite. Mikhail Prokhorov fa sapere di non essere interessato all’acquisto della società giallorossa. L’uomo più ricco della Russia, con un patrimonio di ben 9,5 miliardi di dollari «non vuole  nessun club sportivo straniero» ha rivelato una fonte vicina al magnate.