Atletica/ Usain Bolt rivoluziona le previsioni scientifiche: può raggiungere i 9”48 sui 100 metri

Pubblicato il 17 Agosto 2009 16:06 | Ultimo aggiornamento: 17 Agosto 2009 16:06

La prestazione fuori dal comune di Usain Bolt sulla pista dell’Olympiastadion di Berlino sta costringendo gli studiosi a rivedere le previsioni sui tempi al limite della possibilità umane. Se prima dell’inizio dei Mondiali Mark Denny, dell’università di Stanford, aveva sostenuto che il giamaicano avrebbe potuto spingersi fino a un massimo di 9”54, dopo il 9”58 dell’ultima finale, ora ha cambiato idea: non ci sarà da stupirsi, insomma, se Bolt sarà in grado di abbattere il muro del 9”48.

La grandezza dell’atleta recordman del mondo sta proprio in questo: le previsioni sul limite assoluto delle possibilità di un atleta sono frutto di ricerche condotte per decenni. Ricerche che il giamaicano sta costringendo a rivedere completamente, fin da quando a Pechino firmò i due record su 100 e 200 metri, frantumando i primati precedenti.

In vista dell’altra finale, quella appunto sul mezzo giro di pista, i bookmaker non solo danno per scontato chi sarà il vincitore della medaglia d’oro, ma danno come molto probabile anche un nuovo abbattimento del record del mondo. Lo stratosferico 19”30 delle Olimpiadi ha un solo nemico da temere: lo stesso uomo che lo ha firmato a Pechino.