Attentati Parigi, Abdelsalam Salah terrorista in fuga

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Novembre 2015 12:08 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2015 12:08
Attentati Parigi, Abdelsalam Salah ottavo terrorista in fuga

Attentati Parigi, Abdelsalam Salah ottavo terrorista in fuga

PARIGI –  Terrorista sì, kamikaze no. E’ in fuga, probabilmente è in Belgio e da domenica sera è il ricercato numero 1 dalle polizie di tutta Europa. L’ottavo killer del gruppo che ha fatto strage a Parigi si chiama Abdeslam Salah, ha 26 anni, è nato a Bruxelles ma è francese. “Individuo pericoloso”, si legge nell’avviso di ricerca testimoni diffuso dalla polizia francese assieme alla foto.

Il Belgio si conferma base di partenza e di rifornimento per il terrore che opera in Francia. A Molenbeek, da dove Salah è partito per andare a colpire a Parigi, si era procurato le armi anche Amedy Coulibaly, killer del supermercato kosher di gennaio. I ministeri dell’Interno francese e belga hanno deciso da oggi di lavorare in modo congiunto, anche se i primi risultati non sono stati spettacolari. In particolare, colpisce il fatto che alle 8 del mattino di sabato – pur fermato alla frontiera di Cambrai per un controllo insieme con il fratello e un altro uomo – Salah non sia stato trattenuto.

La segnalazione di ricerca non era arrivata da Parigi agli agenti belgi, nonostante l’uomo risultasse da ore come colui che aveva noleggiato la Polo nera dalla quale erano sbarcati i tre kamikaze che hanno puntato i kalashnikov contro il pubblico inerme di giovani che ascoltavano un concerto rock al Bataclan. Raggiunta più tardi, nella Golf passata tranquillamente al confine c’erano ormai soltanto il fratello di Abdeslam e l’altro uomo. Il ricercato era svanito nel nulla. L’uomo aveva guidato la Seat nera dalla quale erano scesi i killer col kalashnikov a seminare vittime fra i ristoranti dell’est di Parigi, poi aveva depositato il fratello Brahim nel caffè di boulevard Voltaire dove – seduto al tavolo – si è fatto esplodere azionando la cintura da kamikaze. Poi aveva parcheggiato l’auto in banlieue, a Montreuil, dove il veicolo è stato ritrovato questa mattina con tre kalashnikov all’interno. In seguito era stato raggiunto dal fratello accompagnato da un’altra persona, partiti alle 3 del mattino da Bruxelles con una Golf.

Il puzzle dell’azione terroristica di venerdì comincia a prendere così forma: del primo gruppo di kamikaze, quello del Bataclan, si conosce da ieri il nome di Ismael Omar Mostefai, francese, 29 anni, un soggiorno in Turchia nel 2013. Del secondo, i tre kamikaze dello Stade de France, si conoscono Bilal Hadfi (viveva in Belgio e aveva combattuto in Siria con l’Isis) e Ahmad al Mohammad (presunto siriano entrato in Europa da rifugiato, ma la sua identità non è certa); nel terzo gruppo c’era il super ricercato Abdeslam Salah, il fratello Brahim morto suicida al ristorante, e forse un terzo uomo. La polizia francese continua a interrogare le sette persone della famiglia di Moustefai per cercare ogni indizio utile e ormai ha in mano diversi elementi per risalire a complicità e appoggi logistici.

Aumenta intanto anche il bilancio delle vittime – i morti sono diventati 132 – e all’istituto medico legale procede il rito più crudele, quello del riconoscimento delle salme, in gran parte di giovanissimi. Molti gli studenti morti, fra spettatori del Bataclan e avventori dei bar presi di mira, tanto che domani mattina il presidente Francois Hollande e i principali membri del governo saranno alla Sorbona per osservare un minuto di silenzio. Dolore e tensione si respirano in ogni angolo della capitale, soprattutto nei quartieri est, quelli già colpiti a gennaio e adesso di nuovo nel mirino. Davanti al Bataclan, dove centinaia di parigini dimenticano le raccomandazioni della polizia di non uscire da casa e si raccolgono per ricordare le vittime, una delegazione di imam ha intonato oggi la Marsigliese. A place de la Republique, dove un continuo omaggio alle vittime, una sorta di rito laico, non conosce soste da ieri, ci sono stati minuti di terrore questa sera.

E’ bastato un petardo, forse sparato da alcuni ragazzini in una via non lontana nel quartiere del Marais, per scatenare un’impressionante ondata di panico. In pochi istanti la piazza si è svuotata, fra chi scappava travolgendo tutto e chi gridava “c’è stata una bomba!”. L’ondata di panico si è trasmessa fino alla Bastiglia, anche perché intanto la polizia e i tiratori scelti avevano preso posto nei punti strategici ed erano pronti al peggio e un elicottero volteggiava con le luci accese. C’è voluta un’oretta per tornare alla normalità. Una normalità che domani mattina, con la riapertura di scuole, uffici pubblici e musei, i parigini dovranno riconquistare lasciandosi alle spalle un fine settimana di terrore..