Australia: Bundanoon è la prima città del mondo a proibire la vendita dell’acqua in bottiglia

Pubblicato il 25 Settembre 2009 10:57 | Ultimo aggiornamento: 25 Settembre 2009 10:57

La “dead line” è fissata per la mezzanotte del 25 settembre, poi, chi ama l’acqua con le bollicine dovrà rivolgersi altrove. Dal 26, infatti, la cittadina rurale di Bundanoon (2.500 abitanti), 150 km a sudovest di Sydney, diventa la prima in Australia, e probabilmente nel mondo, a mettere al bando l’acqua imbottigliata commercialmente.

La proposta era stata adottata lo scorso luglio a grandissima maggioranza da un’assemblea di cittadini convocata dal Comune. I negozianti locali avevano promosso il divieto, rinunciando ai proventi delle vendite, pur di combattere la pesante produzione di gas serra, associata all’imbottigliamento e al trasporto.

E per il 26 settembre è  in programma il lancio ufficiale dell’iniziativa detta “Bundy on Tap” (Bundanoon al rubinetto). L’ultima bottiglia di acqua minerale non gassata sarà tolta dagli scaffali, e saranno operativi i nuovi rubinetti ad alta tecnologia di acqua filtrata sulla strada principale e nella scuola locale.

I negozi venderanno bottiglie riutilizzabili, offrendo di riempirle gratis con acqua filtrata.«Mentre i leader politici combattono con i problemi del cambiamento climatico, non dimentichiamo che ciascuno di noi può fare differenza a livello locale – ha detto il portavoce di “Bundy on Tap”, Huw Kingston – L’industria delle bevande realizza enormi profitti vendendo qualcosa che si puo’ avere gratis”