Borsa da difesa

Pubblicato il 16 Marzo 2010 12:37 | Ultimo aggiornamento: 16 Marzo 2010 12:37

Portava la sua borsa di cuoio pesante, con dieci scomparti tutti ben riempiti, resa tuttavia leggera dalla furiosa forza della rabbia.

Aveva appena fatto una litigata col suo uomo.

“Posso accompagnarla?” – Le disse il tizio inconsapevole.

“No!” – Rispose l’arrabbiata.

“Posso offrirle un caffè?”- Tornò ad insistere l’inconsapevole.

“Ho detto di no!” – Replicò agitata ma con le rotelle ancora tutte al loro posto.

“Ma ne è proprio sicura?” – Continuò l’ignaro.

“Ma che caffè e caffè, te la faccio passare io la voglia di offrirmi un caffè!”

E cominciò a prenderlo rabbiosamente a borsettate.

“E’ pazza! E’ pazza! Questa è pazza! Aiuto!” – Diceva l’inconsapevole malcapitato urlando, cercando di scansare i colpi e correndo per allontanarsi.

Consapevole però divenne dopo le delucidazioni che la borsa di lei gli diede.

P.S. E’ vero il detto “Paga il giusto per il peccatore”.