Brunetta contro i registi: “Il cinema italiano è pieno di parassiti”

Pubblicato il 12 Settembre 2009 11:59 | Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2009 11:59

Senza giri di parole, il mini­stro della Pubblica amministra­zione e dell’Innovazione Renato Brunetta se la prende con il cinema italiano: «Esiste in Italia un culturame parassitario vissuto di risorse pubbliche che sputa sentenze contro il proprio Pae­se ed è quello che si vede in que­sti giorni alla Mostra del Cine­ma di Venezia».

Poi un consiglio al collega, ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi: «Fai bene a chiudere quel rubinetto del Fus». Il ministro ha proseguito parlando di «registi che hanno ricevuto 30-40 milioni di euro di finanziamenti incassando in tutta la loro vita 3-4 mila euro. Questi stessi autori nobili, con l’aria sofferente, ti spiegano che questa Italia fa schifo…Solo che loro non hanno mai lavorato per avere un’Italia migliore». Applausi a scena aperta dalla platea «amica».

Che hanno portato ad un’al­tra stoccata, contro «i parassiti dei teatri lirici: i finti cantanti, scenografi che non si sono mai confrontati con il mercato, tan­to Pantalone pagava. A lavora­re…». E infine: «Questo è un pezzo di Italia molto rappresen­tata, molto ‘placida’ e questa Italia è leggermente schifosa». Dove la scelta dell’aggettivo pa­re tutt’altro che casuale dopo che Michele Placido, a Venezia con il suo film sul ’68, Il grande sogno, si è reso protagonista di una polemica che dalla casa di produzione Medusa si era este­sa a Berlusconi.

Dalla stessa sede, poco pri­ma, anche il ministro dell’Istru­zione Mariastella Gelmini aveva commentato: «Sono rimasta sorpresa nel sentire dagli attori della Mostra degli elogi sul ’68. Quella cultura dell’ugualitari­smo e del sei politico ha dan­neggiato una generazione. For­se Placido non le ha vissute e non le conosce».