Canzio (ragioneria dello Stato): “Venti miliardi di spesa pubblica fuori controllo”

Pubblicato il 23 Settembre 2009 15:19 | Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2009 15:19

Dal controllo statale sfuggono almeno 20 miliardi di spesa pubblica. A lanciare l’allarme è il ragioniere generale dello Stato, Mario Canzio, durante un intervento in commissione Bilancio per la riforma della finanziaria.

«Ci sono 20 miliardi che sfuggono al controllo e allo stesso tempo una massa rimodulabile del bilancio dello Stato di 20 miliardi», ha spiegato Canzio. Alla Ragioneria dello Stato, per esempio, non arrivano i bilanci di alcuni enti come la Corte dei conti, la Protezione civile e le università, in virtù dell’autonomia garantita loro.

L’obiettivo della segnalazione del ragioniere dello Stato è quella di esprimere «la necessità di avere revisori dei conti in tutti i settori per monitorare le spese. Non è che vogliamo esercitare un vero e proprio controllo – ha precisato- ma su questa massa di spesa abbiamo proprio una difficoltà di conoscenza».

Canzio suggerisce che la riforma della Finanziaria deve prevedere l’obbligo di copertura delle leggi non solo con riferimento al saldo netto da finanziare, ma anche in termini di indebitamento e di saldo di cassa «in modo da assicurare l’effettiva neutralità finanziaria delle iniziative legislative».