Carceri esplodono per sovraffollamento: protestano gli agenti

Pubblicato il 22 Settembre 2009 21:45 | Ultimo aggiornamento: 22 Settembre 2009 21:45

Le carceri italiane registrano sempre più detenuti (64.609 contro 43.262 posti regolamentari) e sempre meno agenti. Per questo, in mattinata, circa quattrocento agenti aderenti alla Uil hanno manifestato a piazza Montecitorio.

Il capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, Franco Ionta, interviene nell’affollata sala delle Colonne e fa un immediato richiamo alle forze politiche di maggioranza e opposizione affinchè con uno «sforzo comune» trovino una soluzione a un «problema reale» rispetto al quale la «sicurezza di un Paese può essere compromessa».

La soluzione prospettata da Ionta, per «stabilizzare» un sistema che cresce al ritmo di settecento detenuti in più al mese, è su due fronti: nuovi penitenziari e aumento di agenti (almeno 5mila).