Centrali nucleari: Berlusconi dichiara che per costruirle, se necessario, si userà l’esercito

Pubblicato il 28 Maggio 2009 19:58 | Ultimo aggiornamento: 28 Maggio 2009 20:08

«Paghiamo il 30% in più di energia rispetto alla media dei Paesi europei e il 50% in più rispetto ai costi della Francia che ha le centrali e che tra l’altro sono posizionate in modo che se dovesse succedere qualcosa a pagarne le conseguenze saremmo noi. Questo però non succede visto le tecniche avanzate con cui si costruiscono».

A parlare è il presidente del consiglio Silvio Berlusconi all’Assemblea della Confesercenti. A proposito del costo elevato della bolletta energetica, Berlusconi ribadisce la possibilità di impiegare l’esercito per garantire la costruzione delle centrali nucleari. Riferendosi a Napoli sulla vicenda dei rifiuti: «Abbiamo usato l’autorità dello Stato e lo faremmo in tutte le occasioni necessarie», dice.

Risponde al premier il governatore della regione Puglia, Nichi Vendola che dichiara di opporsi con ogni mezzo alla costruzione delle centrali nucleari nella sua Regione,  ricorrendo, come prima cosa, alla Corte Costituzionale. «È un abbaglio dal punto di vista economico, una distrazione di risorse dal lato energetico e una tragedia per l’ambiente» dichiara Vendola. «Si dovrebbe Investire nelle rinnovabili e sull’efficienza energetica».