Crisi/ Berlusconi: “E’ grave ma la sinistra alimenta la paura”

Pubblicato il 25 Maggio 2009 9:35 | Ultimo aggiornamento: 25 Maggio 2009 12:02

La crisi economica è grave e profonda, ma eccedere nel catastrofismoè’ dannoso. Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, intervistato da Cnn international, torna sulla situazione economica e afferma: “Non ho mai considerato questa crisi come poco importante. Ho sempre avuto la consapevolezza che la crisi è grave, profonda, anche estesa nel tempo. Solo che ho sempre cercato di diffondere fiducia e ottimismo, perchè gran parte di questa crisi ha una causa psicologica. É la paura che frena anche persone, famiglie che non hanno motivo di soffrire per la crisi, nella propensione ai consumi e nel loro stile di vita”. “Il fattore psicologico e’ un fattore importante, sia della profondita’ della crisi, sia della sua estensione temporale. Quindi i governi devono tutti cercare di diffondere sentimenti positivi”. “La paura c’e’ ancora, certamente – ammette Berlusconi – ma e’ una paura dovuta – per esempio in Italia – ai media e soprattutto alla sinistra, che cantano ogni giorno la canzone del pessimismo e del catastrofismo. Questo e’ contro l’interesse del Paese, contro l’interesse di tutti noi, anche contro il loro interesse. Ma purtroppo continuano a comportarsi cosi'”.