--

Crisi, recessione, ripresa/ Draghi, Geithner, Zhou, Tremonti: c’è ancora, ma quasi non c’è più

Pubblicato il 25 Aprile 2009 23:32 | Ultimo aggiornamento: 25 Aprile 2009 23:32

Riuniti a Washington, nella sede dell’Imfc, braccio operativo del Fondo monetario internazionale, il governatore della Banca d’Italia Mario Draghi ha detto: “Nelle ultime settimane abbiamo assistito a un modesto recupero di fiducia sul mercato. Sembra che gli scenari peggiori sulle prospettive dell’economia globale e del sistema finanziario non siano più così centrali nel pensiero dei partecipanti al mercato”. 

Secondo l’agenzia di stampa Agi, Draghi ha detto  che il miglioramento di clima “offre una finestra di opportunità unica sia per le azioni a breve termine tese a stabilizzare le istituzioni e promuovere l’espansione del credito sia per realizzare misure tese a rafforzare il sistema nel lungo periodo”.

Ha proseguito Draghi: il nostro obiettivo principale è rompere il circolo vizioso che si è instaurato tra il sistema finanziario e l’economia reale”. In questa direzione, ha sottolineato il governatore, “un punto chiave” è “ripulire i bilanci delle istituzioni finanziarie”. Dal canto loro, “le autorità hanno adottato un’ampia gamma di misure per iniettare capitale nelle banche, garantire i loro obblighi e ridurre o rimuovere la loro esposizione verso gli asset tossici”.

L’obiettivo finale di queste azioni, ha osservato ancora Draghi, è “creare un contesto in cui le banche siano in grado di ripulire i loro bilanci attraverso una crescita sostenibile dei profitti e raccogliere il capitale di cui hanno bisogno dal mercato privatoa un costo relativamente bassi”. Ciò, ha aggiunto Draghi,”significa anche fornire sufficiente trasparenza sulle esposizioni a rischio per consentire al mercato di distinguere tra banche deboli e banche forti e ridurne le incertezze”. 

“Parte centrale di questo processo”, ha affermato il governatore, sono gli stress test, che rappresentano “uno sforzo per migliorare la trasparenza”. Proprio gli stress test negli Stati Uniti sono stati uno degli argomenti al centro della riunione, anche se, ha detto Draghi, se ne è parlato in termini generali senza andare nel dettaglio dei risultati dei singoli istituti.

Draghi però ha anche detto che la situazione di capitale delle banche italiane è positiva.  “Conduciamo regolarmente stress test: se avessero rilevato situazione di sottocapitalizzazione, l’autorità di vigilanza avrebbe reagito”.

Alla riunione del Fondo c’era anche il segretario al Tesoro americano, Timothy Githner. Ha detto: la ripresa economica negli Stati Uniti non è  dietro l’angolo, anche se il peggio è forse ormai alle spalle.  “L’economia statunitense  ha di fronte sfide serie e ci vorrà tempo perché i fondamentali migliorino”. Geithner non ha comunque mancato di sottolineare che “ci sono alcuni segnali positivi e gli sforzi per stabilire la stabilità del mercato finanziario e stimolare la crescita sono ben avviati”. Insomma, gli Usa “stanno facendo la loro parte ma siamo consapevoli”, ha concluso Geithner, “che la nostra ripresa dipendera’ da quella mondiale”.

C’era anche il presidente della  Banca Centrale Cinese, Zhou Xiaochuan. La Cina, ha detto è nelle condizioni di poter mantenere un ritmo di crescita stabile e relativamente elevato.  Zhou ha affermato che i trend di crescita cinesi non cambieranno nel lungo termine e che il governo di Pechino continuerà a portare avanti le politiche fiscali e di espansione monetaria adeguate a rispondere alla crisi.

E c’era anche il ministro dell’Economia italiano Giulio Tremonti: “Sul fronte dell’occupazione non sono in vista nuovi interventi”, ha detto. “La base di riferimento è il recovery plan europeo. Riteniamo che quanto messo in campo sia sufficiente. Se servirà altro lo metteremo in campo”.