Dopo Viareggio/ Minaccia gpl a Napoli Est: “Qui si vive su una bomba a gas di 800mila metri cubi”

Pubblicato il 2 Luglio 2009 12:44 | Ultimo aggiornamento: 2 Luglio 2009 12:44

In Italia, il gpl costituisce un pericolo mortale che non corre solo sui binari. A Napoli il gas letale si trova nel ventre della città, a metri e metri di profondità dal suolo nella periferia orientale della città dove un immenso oleodotto attraversa i quartieri che vanno da Vigliena fino a Poggioreale.

“Viviamo su una bomba a gas da 800mila metri cubi”- denunciano le associazioni di cittadini, che aggiungono – “Quello che è successo l’altro giorno a Viareggio è poca cosa ri­spetto ai rischi che corriamo a Napoli Est.” Lo scenario di un’esplosione è infatti esplicitamente stato evocato dalla commissione tecnica incaricata del controllo del sito nel resoconto dei lavori svolti nel 2002.

Le amministrazioni comunali avrebbero da allora dovuto lanciare una campagna di sensibilizzazione e di pedagogia, attraverso strumenti audiovisivi e incontri nelle scuole. Nulla si è visto e le municipalità interessate non sono nemmeno a conoscenza  del documento della commissione tecnica.

A rendere più inquietante la precaria situazione interviene la congiuntura di nuovi, imminenti, lavori. Infatti, la darsena petro­li, punto di partenza dell’oleo­dotto, è adiacente al futuro Terminal container di levan­te. Un progetto che prevede un afflusso di 800mila teu an­nui, in pratica cinque chilo­metri di carri merci all’anno.