Era davvero meglio la tregua: ora Fini è in un vicolo cieco

“Tagliategli la testaaa!”. Come la regina di Alice nel paese delle Meraviglie, Silvio Berlusconi decide di non dar retta alle colombe e dichiara “incompatibile” il cofondatore del suo partito, Gianfranco Fini, chiedendone anche le dimissioni da presidente della Camera. E mandando al giudizio dei probiviri i suoi tre uomini più fedeli: Fabio Granata, Italo Bocchino, […]


Leggi l’articolo originale su: Giornalettismo

To Top