Usa. Ex-ambasciata d’Italia a Washington diventa palazzo di lusso

Pubblicato il 6 febbraio 2014 10:46 | Ultimo aggiornamento: 6 febbraio 2014 10:46
La vecchia ambasciata d'Italia a Washington

La vecchia ambasciata d’Italia a Washington

USA, WASHINGON – Si chiamerà il “Palazzo” e sarà un condominio di lusso con piu’ di 100 appartamenti a prezzi da capogiro, di cui solo una manciata a costi contenuti come vuole la legge americana, e una residenza-attico per ‘vip’. Si tratta della vecchia sede dell’ambasciata d’Italia a Washington, iscritta nel registro dei luoghi ‘storici’ della capitale Usa.

Una magione neo-rinascimentale nella zona chiamata ‘Adams Morgan’, che fu la residenza dell’ambasciatore Giacomo de Martino dal 1925 al 1932: costruita appunto nel 1925, la villa, è opera di Whitney Warren e Charles D.Wetmore, architetti-autori del famoso ‘Grand Central Terminal’ di New York. Residenza dei rappresentanti della diplomazia italiana sino al 1977, quando l’ambasciatore Roberto Gaja sposto’ gli appartamenti privati a ‘Villa Firenze’, la ‘mansion’ all’angolo di Fuller street e della sedicesima strada rimase in funzione come cancelleria per tutti gli italiani dell’area sino al 2002.

Nel 2002, la sede della rappresentanza italiana negli Usa si sposto’ vicino alla cosiddetta ‘embassy row’ di Washington. Ora, l’azienda edile Potomac – rivela il ‘Washington Post’ – ha ottenuto l’autorizzazione a rinnovare la costruzione e sarebbe pronta ad avviare l’attesa trasformazione della villa in condominio di alto livello.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other