FinCen files: cosa rivelano i documenti sulle transazioni di denaro sospette

di Caterina Galloni
Pubblicato il 26 Settembre 2020 7:30 | Ultimo aggiornamento: 24 Settembre 2020 17:56
FinCen files: cosa rivelano i documenti sulle transazioni di denaro sospette

FinCen files: cosa rivelano i documenti sulle transazioni di denaro sospette (Ansa)

FinCen files: i documenti sulle transazioni di denaro sospette segnalate dalle banche Usa sono arrivati ai giornalisti di ICIJ

FinCen files: tutto ciò che c’è da sapere sui documenti trapelati su transazioni di denaro sospette realizzate da soggetti criminali, per un valore di oltre 2.000 miliardi di dollari permesse da alcune delle più grandi banche a livello mondiale.

Mostrano inoltre come gli oligarchi russi abbiano usato le banche per aggirare i controlli che avrebbero dovuto impedire loro di spostare denaro in Occidente.

È l’ultima di una serie di fughe di notizie in corso da cinque anni che hanno rivelato accordi segreti, riciclaggio di denaro e crimini finanziari.

Cosa sono i FinCen files?

Riguardano 2.500 documenti, la maggior parte dei quali erano segnalazioni che tra il 2000 e il 2017 le banche hanno inviato alle autorità statunitensi al fine di evidenziare dubbi e preoccupazioni circa le attività di alcuni loro clienti.

Questi documenti sono sensibili e racchiudono alcuni dei segreti più gelosamente custoditi del sistema bancario internazionale.

Le banche li utilizzano per segnalare comportamenti sospetti ma non sono la prova di illeciti o crimini.

Sono trapelati a Buzzfeed News e condivisi con International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), un gruppo che riunisce giornalisti investigativi di tutto il mondo, che li ha diffusi a 108 testate giornalistiche in 88 paesi, incluso il programma Panorama della BBC.

Centinaia di giornalisti hanno vagliato la fitta documentazione, facendo luce su uno scenario preoccupante per il settore bancario.

Due acronimi da conoscere

FinCEN è l’abbreviazione di Financial Crimes Enforcement Network, ufficio del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti che analizza le transazioni e combatte le criminalità finanziaria. I sospetti sulle transazioni effettuate in dollari USA devono essere inviate a FinCEN, anche se hanno avuto luogo al di fuori degli Stati Uniti.

Le segnalazioni di attività sospette, o SAR – “Suspicious activity reports” –  sono uno strumento di registrazione di tali sospetti. Se una banca ha il sospetto che uno dei suoi clienti stia procedendo in modo illecito deve compilare un rapporto e inviarlo all’autorità. (Fonte: Bbc)