Fini: “Ma quale primarie, a decidere saranno gli iscritti”

Pubblicato il 29 Giugno 2009 19:30 | Ultimo aggiornamento: 29 Giugno 2009 19:39

«Ma quali primarie…». A sentirle evocare dai giornalisti, Gianfranco Fini reagisce con uno sbuffo per dimostrare che il suo riferimento ai modi futuri per la definizione della leadership del Pdl non sia direttamente riferito a quel meccanismo.

Il presidente della Camera, però, parlando agli imprenditori spagnoli, fa riferimento proprio alla vita interna al Pd che andrà a rinnovare il suo leader con un percorso che prevede congresso e primarie. Fini, nell’intervento e parlando poi con i giornalisti, si richiama tanto agli elettori quanto agli iscritti del partito del centrodestra e comunque rimanda le tecnicalità al momento in cui saranno necessarie. Intanto ribadisce che«non c’è nessun pentimento per il percorso di unità del Pdl nel quale eravamo già alleati da 15 anni». Dopo aver risposto così alla punzecchiatura della giornalista della tv spagnola, Fini torna sulla questione scelta del leader: «Il Pdl ha uno statuto democratico e solo gli iscritti decideranno in futuro chi sarà il loro leader. Questa è la considerazione più banale ma anche la più giusta». «Le modalita’ – ribadisce – saranno decise dagli organi del partito. Nel Pd faranno le primarie, noi poi vedremo quando e come».